Shopping online, 6 errori comuni da non fare

Il lockdown ha reso lo shopping online una consuetudine per molte famiglie, ma non per questo possono definirsi tutti degli esperti compratori. Vediamo insieme quali sono gli errori più comuni che gli utenti commettono sui siti e-commerce.

Alzi la mano chi nei due mesi e poco più di lockdown non si è affezionato a nuove modalità d’acquisto, familiarizzando con i siti di e-commerce, fino a pensare di continuare ad utilizzarli anche adesso che si è tornati alla cosiddetta “nuova normalità”.

Alcune ricerche di mercato pubblicate nel corso delle ultime settimane mostrano di fatto la tendenza crescente degli italiani ad effettuare acquisti online, complici probabilmente le competenze acquisite in termini di “dove compro cosa”, di programmare gli acquisti per tempo e la comodità di ricevere tutto direttamente sullo zerbino di casa.

Ma dopo tutto questo trafficare sulle piattaforme di e-commerce, quanti di voi si ritengono adesso dei veri esperti di acquisti online?

Scommetto che la maggior parte di voi ha fiduciosamente dato una risposta affermativa. Noi di SOS MANI BUCATE, però, vogliamo mettervi alla prova e proporvi un gioco.

Di seguito vi riportiamo 6 situazioni di errore in cui gli utenti incappano facilmente durante la propria attività di shopping online.

Siate sinceri nel riconoscere quelle che vi hanno riguardato personalmente almeno una volta nella vita.

6 errori comuni dello shopping online

1. L’offerta sembra imperdibile, ma il sito è sconosciuto.

Alcuni siti e-commerce hanno raggiunto una tale notorietà da essere ormai sulla bocca di molti, anche dei meno avvezzi all’uso di internet. Con i siti che non conosciamo, invece, è sempre bene essere cauti prima di effettuare registrazioni e rilasciare informazioni sensibili, come i nostri dati personali o quelli relativi alla nostra carta di credito. Le truffe sono sempre dietro l’angolo.
E’ importante dunque effettuare gli acquisti online in totale sicurezza: la mancanza del protocollo HTTPS è il primo segnale che il sito che stiamo visitando è tutt’altro che affidabile. Dove possiamo verificare la presenza del protocollo Https? Semplicemente nella barra degli indirizzi, subito prima del famoso “www” per intenderci.
Anche la rete dalla quale ci colleghiamo deve essere sicura, quindi niente wi-fi pubblici o internet point.

Per evitare attacchi da parte di hacker, controllate che il sito sia sicuro e leggete sempre le recensioni prima di effettuare un acquisto. Queste accortezze vi preserverano da spiacevoli sorprese.

2. Il prezzo è WOW, ma il formato è mignon.

Pensate ai prodotti cosmetici, come creme per il viso, prodotti per i capelli, o anche generi alimentari, come le bottiglie di vino, oppure ai flaconi di detersivo. Siete sicuri di aver acquistato la solita confezione-formato, ma alla fine vi ritrovate a ricevere la versione mignon. Cosa vi ha ingannato? La foto era praticamente identica.

Ricordate di verificare sempre le caratteristiche del prodotto che state acquistando.

3. Prezzo scontatissimo, ma le spese di consegna sono extra.

I comparatori di prezzi online ci aiutano nel confrontare prezzi e disponibilità di un determinato prodotto o servizio. Istintivamente la prima cosa che ci viene da fare è cliccare sul link al sito che propone il prezzo più basso, felici di aver trovato un’offerta particolarmente vantaggiosa, magari anche rispetto ai negozi fisici. E poi, babam! Arriva la botta delle spese di spedizione e la convenienza, puf!, sparisce.

Controllate sempre se le politiche di spedizione e reso dei prodotti prima di farvi prendere da facili entusiasmi. E’ decisamente fastidioso quel senso di delusione che si prova nel vedere il prezzo finale nettamente più alto. 

4. L’articolo va esaurito.

A volte dedichiamo ore a spulciare le vetrine online, per cercare ad esempio qualche capo d’abbigliamento per rinnovare i nostri armadi. Ne selezioniamo alcuni ma per vari motivi tentenniamo nell’acquisto.
Così salviamo tutti gli articoli nelle cosiddette whishlist, non si sa mai che nel breve salti fuori qualche promo extra da sfruttare. Ma quante volte abbiamo atteso troppo e con grande delusione scopriamo che l’articolo non è più disponibile?

Valutate bene se l’oggetto dei desideri è davvero qualcosa alla quale non volete rinunciare, soprattutto se proposto già a prezzi vantaggiosi, e non rimandate troppo la vostra decisione.

5. Il prodotto non è esattamente come sembrava in foto.

Vi siete innamorate di un abito che addosso alla modella sembra così elegante, fresco e morbido. Sembra perfetto per una certa occasione e non vedete l’ora di provarlo, ma una volta aperto il pacco, uallà, un obbrobrio. In un attimo vi rendete conto del perché costasse così poco.

Dio benedica i resi gratuiti! Perché è l’unica forma di sollievo che proverete di fronte a cotanta delusione.

6. Prezzo scontato, modello fuori produzione.

Avete notato che molti siti di e-commerce propongono articoli di anni passati? Va bene il valore del brand, ma quando un modello è fuori produzione sarebbe meglio toglierlo dal mercato. Non si tratta di un affare infatti, ma solo di comprare delle rimanenze di magazzino. Il discorso vale per i prodotti tecnologici, ma anche per i capi d’abbigliamento, per i quali in tempi di saldi saltano fuori come per magia modelli di 8 stagioni prima.

Fate sempre attenzione alla descrizione dei prodotti e se avete qualche dubbio, contattate il venditore per ricevere maggiori dettagli.

Questi sono solo alcuni esempi di situazioni tipiche nelle quali vi sarete o potreste trovarvi durante il vostro shopping online.

Ora però non lasciateci sulle spine e fateci sapere se, dopo aver letto questo articolo, potete definirvi davvero degli esperti dello shopping online!

 

Rif.: Osservatorio eCommerce B2c Netcomm- Politecnico di Milano e GFK Magazine N. 84 Maggio 2020